Io e me.

Vivere da soli non è mai facile. Con questa frase un poco banale vorrei riflettere brevemente su quanto stare con se stessi sia meraviglioso e terrificante allo stesso tempo. Se poi ci metti quindicimila chilometri che separano il “casa dolce casa” e un “tadaimaa” (sono tornataa) detto alla porta del bagno dimenticata aperta… Meglio non continuare.

Non vivo in Sardegna da sei anni ormai, tra il “continente” (come si suol dire tra isolani), la Polonia e ora questa terra nipponica che si rivela esattamente il contrario del suo stereotipo. Eppure, proprio questo Giappone mi sta facendo ritrovare una me stessa che forse non avevo mai conosciuto. Una donna, mi azzardo a dire, che sa dire no, che sa piangere a dirotto per la nostalgia di casa e che sa rialzarsi, ogni giorno, ad ogni respiro, guardandosi metaforicamente, e non, allo specchio… e iniziare lentamente ad amarsi. Stare con noi stessi, anche se per poco, è forse il più grande dono che possiamo ricevere. Capire davvero se stessi, i propri limiti, lavorarci su e superarli; smettere di compiacere gli altri e iniziare ad amarsi; esternare le proprie emozioni e non vergognarsene mai… E comprendere che dopo tutto… non siamo poi così male.

La parte terrificante arriva la sera, quando le ombre prendono il sopravvento e tutto sembra sempre terribilmente sbagliato. Nonostante ciò, lentamente, mese dopo mese, questo senso di solitudine si affievolisce e inizio a comprendere quanto in realtà io non sia sola. Non lo sono mai stata. Ho me stessa. Io che con questa mente posso pensare, amare, scrivere come un fiume in piena, sognare, ballare con le cuffie nelle orecchie fingendomi Madonna…

Per quanto sia dannatamente difficile convivere con se stessi, con corvi che ti svegliano alle quattro del mattino e con il camioncino del rifornimento di diesel che gira con una musichetta da film horror (giuro che esiste), i lati positivi stanno iniziando a farsi sentire, insieme ad una canzone di Elisa, un dolcetto senza lattosio e un’alba che toglie il fiato (e finalmente capisci perché lo chiamano il Paese del Sol Levante).

Con questo garbuglio di pensieri buttati giù come se non ci fosse nessuno che li vada a leggere, alla prossima riflessione (che sarà sicuramente sull’amore immenso dei giapponesi per la plastica).

Cristina

Pubblicato da

Sono nata in Sardegna nel 1995. Armata della mia Olivetti Lettera 25 e di una vecchia Fujifilm analogica, mi appassiono fin da piccola di scrittura e fotografia. Sono laureata in Scienze politiche, Relazioni internazionali e Diritti umani. Nel 2018 mi trasferisco e studio in Polonia presso il Centre for European Studies della Jagiellonian University di Cracovia. Dal 2019 vivo in Giappone e studio presso la Graduate School of Law della Kobe University. Mi occupo di diritto costituzionale e diritti umani, su The Bottom up di politica estera del Centro-Est Europa e Asia.

5 pensieri riguardo “Io e me.

  1. Ciao Cristina, questo post è molto bello e conosco la sensazione che stai vivendo, un misto di turbamento, orgoglio e stupore che la cosiddetta crescita personale comporta 😘
    È un pò come dire: “Quindi questa è la nuova me, la Donna che ero destinata ad essere”.
    E questa è la fase di meraviglia, nasce la consapevolezza di Sè, l’inizio della storia d’amore con quella che fino a ieri sembrava una sconosciuta.
    Poi subentra un breve momento di perplessità perchè alla fierezza di sentirsi migliori (si conoscono sentimenti quali la tenerezza, mitezza, equilibrio con se stessi ed una maggiore disponibilità verso gli altri), viaggia in parallelo la paura di sentirsi arrivati, perchè bilanciati, appunto.
    Ma è solo un altro, bellissimo e importantissimo traguardo intermedio raggiunto nel lungo e favoloso tragitto della Vita ❤
    Scusa se mi sono dilungata ma ho scritto di getto quanto “leggerti” mi ha suggerito.
    Un abbraccio!
    E continua a scrivere!! 👍

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...