Di battaglie ormai perse

Lungo è il vagare, con un cuore ormai stanco. Tra ricordi di una vita desiderata, vissuta in attimi di attesa e conflitti mai pianti, amori mai davvero vissuti, lenti, si dissolvono, tra fiori rattrappiti e corde sfilate, di una chitarra dimenticata al suono della sconfitta.

Respiri lenti e silenziosi scivolano tra i ricordi, il vissuto si fa presente, malleabile al desiderio, ad ogni respiro si incrina la linea del tempo, come se, ribelle, scegliesse la propria via, la propria fuga. Una melodia dolce si fa andante, rincorre se stessa nel desiderio di vittoria, nella voglia irrefrenabile di riscrivere un tempo non vissuto, note mute, lasciate rimbombare tra gli echi di attimi lasciati sfuggire al proprio ricordo, nella fantasia giovane, di un animo vorace, di amore, di vita.

C.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...