A quarantine view

I dodici metri quadri di “appartamento” in cui vivo da quasi 7 mesi non fermano il mio Tamron 18-200, che si spinge fino ad Osaka, sull’orizzonte.

Qui in Giappone non è costituzionalmente legittimo attuare un “lockdown” completo, sebbene molti negozi siano chiusi e si inizia ad attivare lo smart working, ma, più in generale, vedo che il senso comune è molto forte e sempre meno persone escono di casa, se non per fare la spesa o per andare a lavoro.

Diverso è il discorso per alcuni studenti internazionali, che continuano imperterriti a viaggiare e spostarsi, non consapevoli di poter essere asintomatici, ed eventualmente di contribuire alla diffusione del virus, colpendo le persone più vulnerabili. Io faccio del mio meglio e da fine febbraio ho deciso di stare a casa, con le mie meravigliose scorte di pasta Divella e fagioli borlotti (che, non te la fai la pasta e fagioli in Giappone?), senza dimenticare la scorta quinquennale di cipolle (quelle non mancano mai).

Io resto qui, a scrivere la mia tesi, ad ascoltare “Il Ruggito del Coniglio” a orari improbabili e a ballare con la musica a tutto volume, come se non ci fosse un domani (povera la mia vicina).

Dal Giappone, stay home, stay strong.

C.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...