E finisce in gloria

Suggerimento: leggetelo come se non aveste fiato in gola. Mi è sembrato l’unico modo di dargli un senso. Siamo qui, vivi, in Paesi diversi, culture diverse, menti diverse, nasi, occhi, unghie, mani fatte di carne, muco, lacrime, pugni stretti, pazienza… vittoria. Siamo qui, vivi a raccontarci delle nostre vite disastrate, di quanto tutto questo vivere […]

Continua a leggere

Nostalgia, 郷愁

Care pigne, è da un po’ che non facciamo una chiacchierata. Si, sono stata assente per qualche settimana, ma non per prendermi una pausa, purtroppo. Ho perso una persona cara inaspettatamente, e ancora oggi, dopo alcuni giorni, non mi rendo conto assolutamente dell’accaduto, come se fosse sospeso nell’etere del possibile, come se la mia mente […]

Continua a leggere

Nara e il Buddhismo

Alcune curiosità sul Buddhismo Zen giapponese e l’imponente tempio buddhista Tōdai-ji, dimora del Daibutsu, la statua in bronzo fuso più grande al mondo, raffigurante il Buddha.

Continua a leggere

Proverbi sardi a modo mio. Episodio 8

Proverbi sardi a modo mio 8

Nuovo mese, nuovo proverbio. Mi son resa conto che il materiale sui proverbi sardi è davvero carente, spesso limitato alla mera traduzione in italiano, senza un briciolo di interpretazione. Le riflessioni di questa rubrica sono puramente personali e non intendono assolutamente fornire una definizione precisa e univoca sui proverbi sardi. Ho iniziato a consultare e […]

Continua a leggere

More dead than alive – Memoirs of deportation

Some paragraphs of Luigi Piga’s memoirs of deportation as Italian Military Internee, captured in Athens after the armistice and who survived to two years of forced labour, starvation and violence. He was set free in April 1945, with the arrival of the Red Army at the Stalag IV B Mühlberg (Germany).

Continua a leggere

Più morti che vivi. Memorie della deportazione

Alcuni paragrafi delle memorie di Luigi Piga sulla deportazione come internato militare italiano (IMI), catturato ad Atene dopo l’armistizio e sopravvissuto a due anni di lavori forzati, fame e violenza. Fu liberato nell’aprile 1945, con l’arrivo dell’Armata Rossa nello Stalag IV B di Mühlberg (Germania).

Continua a leggere