I colori dell’insonnia

Conobbi la fotografia a 7 anni. Iniziai con la vecchia Fujifilm analogica che rubavo a mio padre, immortalando nuraghi, pozzi sacri, dolmen e natura incontaminata durante le gite con la classe. Portavo poche cose con me, degli snack, dell’acqua e l’immancabile Fujifilm, ancora funzionante, che tenevo rigorosamente attorno al collo. Scattavo foto alle tholos, alle […]

Continua a leggere

Febbre da Giappone

Care pigne, Febbre da Giappone. Così la chiama un caro amico conosciuto nella terra del Sol Levante. Quando me ne parlò, di fronte a un bicchiere di umeshu* ghiacciato, pensai fosse una di quelle affermazioni che si fanno per riempire gli spazi vuoti tra una conversazione e l’altra, e mai avrei immaginato che avrei ricordato […]

Continua a leggere

20 minuti

kyoto in solitudine

Le porte stanno per aprirsi e noi, come maratoneti carichi di ansia, zaino in spalla e sudore sulla fronte, siamo pronti a volare verso la fermata del bus che ci porterà alle 48 cascate di Akame, nella prefettura di Mie (per intenderci, a circa 2 ore da Osaka). Quasi come se un vecchio coach giapponese […]

Continua a leggere

Rotolando Verso Ovest

Attenzione, segue post sgrammaticato. Milano. Mezzanotte e mezza. Insonnia, jet lag, nostalgia canaglia, reverse culture shock, chiamiamolo come vogliamo, il risultato resta lo stesso. Mezzanotte e mezzo dell’ormai 22 luglio 2020 e questo mi sembra davvero l’unico momento “libero” da dedicare alle pigne che rotolano. Nel frattempo, mi dedico anima e corpo al giornale con […]

Continua a leggere

Kyoto in solitudine

Kyoto in solitudine Cristina Piga

Due settimane fa ho avuto l’occasione di fare un piccolo viaggio a Kyoto, ad Arashiyama quartiere a nord-ovest della città. Si trova a circa un’ora e mezzo da Kobe (stazione di Sannomiya, hankyu), e basta fare cambio a Juso (Osaka), di solito binario 5, per arrivare a destinazione, in tutto circa 7 euro di biglietto. […]

Continua a leggere

Si alza il vento

Sono nata nella terra plasmata dal vento, costellata di alberi dai fusti piegati da un violento maestrale, il soffio di un severo dio ancestrale. Qui, a quasi quindicimila kilometri di distanza, circondata da piccoli templi di montagna, statuette votive e ciliegi ormai sfioriti, guardo fuori dalla finestra. E soffia il vento. un vento forte, violento, […]

Continua a leggere

Pink is in the air

Vi lascio questo scatto di ieri sera, tra pensieri, paragrafi della tesi e rondinelle chiassose. Una serata malinconica, addolcita da quella punta dorata in cima al cumulo. Oggi pochi pensieri, solo tanta tesi, meditazione e un tramonto che inizia a impreziosire tutta la città. Qui in alta qualità (si aprirà una nuova scheda). Cristina

Continua a leggere

A quarantine view

I dodici metri quadri di “appartamento” in cui vivo da quasi 7 mesi non fermano il mio Tamron 18-200, che si spinge fino ad Osaka, sull’orizzonte. Qui in Giappone non è costituzionalmente legittimo attuare un “lockdown” completo, sebbene molti negozi siano chiusi e si inizia ad attivare lo smart working, ma, più in generale, vedo […]

Continua a leggere

“Life in plastic, it’s fantastic”

La forza di uno stereotipo supera i confini nazionali, fa il giro del mondo e arriva a ritmo di tamburi nella mia piccola stanza. In quel di Sardegna, più di dieci anni fa, sognavo il Giappone, pregando ogni giorno di poter vivere in quella terra incontaminata, magari in una piccola casetta di legno, sedermi su […]

Continua a leggere

Io e me.

Vivere da soli non è mai facile. Con questa frase un poco banale vorrei riflettere brevemente su quanto stare con se stessi sia meraviglioso e terrificante allo stesso tempo. Se poi ci metti quindicimila chilometri che separano il “casa dolce casa” e un “tadaimaa” (sono tornataa) detto alla porta del bagno dimenticata aperta… Meglio non […]

Continua a leggere