Flowing conscience

Un testo scritto il 22 gennaio 2013 e pubblicato sul mio vecchio blog. Fatemi sapere con un commento che ne pensate di questo flusso di coscienza della mini me. Divenne torrente, molecola e legame, vita, anima, rinascita. Volse uno sguardo perso a quegli occhi che la riportavano in superficie, tra fiere spighe di grano e […]

Continua a leggere

Quella sottile linea nera

Tra sinapsi e slanci creativi s’insinua l’immagine di un uomo che sorride timidamente. Tiene le mani in tasca, gioca con il filtro per tabacco, mangiucchiato dal tempo. Nervoso si passa le dita tra i capelli rossi, ispidi, disordinati. Accende una sigaretta, tiene il ritmo a tempo di orologio. Aspetta che lei esca. Minuta, dai capelli […]

Continua a leggere

Carta straccia #1

Una fuga non è certamente sinonimo di pianificazione al dettaglio, ma la mia strategia di prendere letteralmente solo quello che stava di fronte a me in quel momento fu un tantino radicale e sciocco. Una borsa stracolma di carta straccia. Carta straccia. Non una lattina di fagioli precotti, non un pezzo di pane da addentare […]

Continua a leggere

Morto ammazzato

Frequentavo l’ultimo anno di liceo, quando scrissi questo breve racconto. Non ricordo esattamente il giorno, ma so per certo che fosse notte. Ci sarebbero tanti dettagli da correggere, ne sono consapevole, ma in questa prima occasione vorrei proporvi il testo nella sua stesura originale, un flusso di coscienza frutto di cene cui ho assistito, che […]

Continua a leggere