Sinapsi in poliestere

Seduta sul pavimento, con la schiena ricurva vicino al letto, scribacchia qualche nota ai margini di una pagina logora, quasi parafrasando le parole della sera prima, rigettate sul foglio e accartocciate con rabbia subito dopo. Rievoca gli anni adolescenziali, di emozioni che sgorgano impazienti, di grafite che solca, violenta, cellulosa impastata, da stracciare e riscrivere […]

Continua a leggere

Di battaglie ormai perse

Lungo è il vagare, con un cuore ormai stanco. Tra ricordi di una vita desiderata, vissuta in attimi di attesa e conflitti mai pianti, amori mai davvero vissuti, lenti, si dissolvono, tra fiori rattrappiti e corde sfilate, di una chitarra dimenticata al suono della sconfitta. Respiri lenti e silenziosi scivolano tra i ricordi, il vissuto […]

Continua a leggere

Eclissi lunare

Il mio treppiede? La vecchia Panda verde di mio padre, un po’ la mascotte della famiglia, che, anche in questa occasione, si è rivelata una fedele alleata. Nel bel mezzo della campagna, armata della mia preziosa Nikon e di tecniche di respirazione che neanche un professionista in apnea ed ecco il risultato. Nel 2021 avrò […]

Continua a leggere

Ciottoli

Mi lascio andare alla corrente di un fiumiciattolo, che placido scorre tra i vecchi ciottoli del piccolo centro. Una cittadella che s’innalza su diverse colline, impossibile passeggiare in bicicletta, a meno che non ci si alleni per il Tour de France. Ricordo un uomo correre tra le colline impreziosite da pietre levigate dal vento. Si […]

Continua a leggere

Rinascita

“Dalla sanguinosa battaglia riposa stanco il corpo, sulle placide acque riemerge vittorioso, libero, dall’abbraccio della lenta morte che giace ormai sul fondo, sepolta e vinta. Si schiudono con fatica le ciglia, gocce ostili strisciano lente sullo zigomo, se le riprendono finalmente gli abissi. Trovano rifugio le braccia tra le pieghe che smuovono la superficie e […]

Continua a leggere

La luna e il lago

26-06-2013 h 23:40 brevi scorci di un passato felicemente lontano “Poi s’immerse, tutto d’un fiato. Si tolse le scarpe ben lucidate, poi i calzini e sfilò via i pantaloni, quelli vecchi, che metteva per andare al giornale la mattina. E corse; piedi nudi sulle tavole di legno del piccolo molo, passi felpati, silenziosi, irrequieti, impazienti […]

Continua a leggere

Insonnia criptica

2018-02-05, ora incerta Il momento in cui la guancia sfiora il morbido cotone della federa del cuscino e in cui lentamente i sogni si fanno spazio nel buio di una stanza silenziosa, il momento in cui il cuore batte più lentamente, in cui il respiro si fa impercettibile e le palpebre si chiudono… ebbene è […]

Continua a leggere

Arido ritorno

Il ritorno dopo un lungo viaggio. Il ritorno in una terra che mi rivolge uno sguardo ostile, diffidente, come si farebbe a un estraneo. Sono un’estranea. Ho deciso di voltare le spalle alla mia terra e fuggire, fuggire via, in luoghi sempre più remoti, in cui i volti sconosciuti diventano sempre meno ostili, sempre più […]

Continua a leggere