Tramonti zuccherati

Care pigne, Scattai queste foto alcuni anni fa, in quel di Sardegna e quella grande roccia bianca che vedete emergere fiera dalle acque si chiama Pan di Zucchero. Si trova sulla costa iglesiente, a sud-ovest dell’isola ed è alta 133 metri, il faraglione più alto del Mar Mediterraneo. Per maggiori informazioni vi consiglio di visitare […]

Continua a leggere

I colori dell’insonnia

Conobbi la fotografia a 7 anni. Iniziai con la vecchia Fujifilm analogica che rubavo a mio padre, immortalando nuraghi, pozzi sacri, dolmen e natura incontaminata durante le gite con la classe. Portavo poche cose con me, degli snack, dell’acqua e l’immancabile Fujifilm, ancora funzionante, che tenevo rigorosamente attorno al collo. Scattavo foto alle tholos, alle […]

Continua a leggere

Febbre da Giappone

Care pigne, Febbre da Giappone. Così la chiama un caro amico conosciuto nella terra del Sol Levante. Quando me ne parlò, di fronte a un bicchiere di umeshu* ghiacciato, pensai fosse una di quelle affermazioni che si fanno per riempire gli spazi vuoti tra una conversazione e l’altra, e mai avrei immaginato che avrei ricordato […]

Continua a leggere

Flowing conscience

Un testo scritto il 22 gennaio 2013 e pubblicato sul mio vecchio blog. Fatemi sapere con un commento che ne pensate di questo flusso di coscienza della mini me. Divenne torrente, molecola e legame, vita, anima, rinascita. Volse uno sguardo perso a quegli occhi che la riportavano in superficie, tra fiere spighe di grano e […]

Continua a leggere

Vortici

Confusi vortici, fra le viscere, Si snodano con impeto altero. S’aggrovigliano pei fili d’una mente dubbiosa, e s’impigliano fra grate, e s’annodano a filamenti, che l’affliggono stanca. Ho scritto questa poesia il 18 ottobre 2012. Tanti ricordi sono legati a queste parole, lunghe ore passate a guardare lo schermo, a dar voce a quei pensieri […]

Continua a leggere

Sinapsi in poliestere

Seduta sul pavimento, con la schiena ricurva vicino al letto, scribacchia qualche nota ai margini di una pagina logora, quasi parafrasando le parole della sera prima, rigettate sul foglio e accartocciate con rabbia subito dopo. Rievoca gli anni adolescenziali, di emozioni che sgorgano impazienti, di grafite che solca, violenta, cellulosa impastata, da stracciare e riscrivere […]

Continua a leggere

Rotolando Verso Ovest

Attenzione, segue post sgrammaticato. Milano. Mezzanotte e mezza. Insonnia, jet lag, nostalgia canaglia, reverse culture shock, chiamiamolo come vogliamo, il risultato resta lo stesso. Mezzanotte e mezzo dell’ormai 22 luglio 2020 e questo mi sembra davvero l’unico momento “libero” da dedicare alle pigne che rotolano. Nel frattempo, mi dedico anima e corpo al giornale con […]

Continua a leggere