Di battaglie ormai perse

Lungo è il vagare, con un cuore ormai stanco. Tra ricordi di una vita desiderata, vissuta in attimi di attesa e conflitti mai pianti, amori mai davvero vissuti, lenti, si dissolvono, tra fiori rattrappiti e corde sfilate, di una chitarra dimenticata al suono della sconfitta. Respiri lenti e silenziosi scivolano tra i ricordi, il vissuto […]

Continua a leggere

Quella sottile linea nera

Tra sinapsi e slanci creativi s’insinua l’immagine di un uomo che sorride timidamente. Tiene le mani in tasca, gioca con il filtro per tabacco, mangiucchiato dal tempo. Nervoso si passa le dita tra i capelli rossi, ispidi, disordinati. Accende una sigaretta, tiene il ritmo a tempo di orologio. Aspetta che lei esca. Minuta, dai capelli […]

Continua a leggere

“Life in plastic, it’s fantastic”

La forza di uno stereotipo supera i confini nazionali, fa il giro del mondo e arriva a ritmo di tamburi nella mia piccola stanza. In quel di Sardegna, più di dieci anni fa, sognavo il Giappone, pregando ogni giorno di poter vivere in quella terra incontaminata, magari in una piccola casetta di legno, sedermi su […]

Continua a leggere

Io e me.

Vivere da soli non è mai facile. Con questa frase un poco banale vorrei riflettere brevemente su quanto stare con se stessi sia meraviglioso e terrificante allo stesso tempo. Se poi ci metti quindicimila chilometri che separano il “casa dolce casa” e un “tadaimaa” (sono tornataa) detto alla porta del bagno dimenticata aperta… Meglio non […]

Continua a leggere

E finisce in gloria

Suggerimento: leggetelo come se non aveste fiato in gola. Mi è sembrato l’unico modo di dargli un senso. Siamo qui, vivi, in Paesi diversi, culture diverse, menti diverse, nasi, occhi, unghie, mani fatte di carne, muco, lacrime, pugni stretti, pazienza… vittoria. Siamo qui, vivi a raccontarci delle nostre vite disastrate, di quanto tutto questo vivere […]

Continua a leggere

La partenza, flusso di coscienza isterico

Tra poco meno di un mese inizierà il mio diciottesimo anno di studi. Vista così, sembra un’impresa epica, eppure, ancora oggi, non mi sento competente per una vera professione, sento ancora forte la necessità di specializzarmi in un’area sempre più specifica. Certo, diciotto anni passati a stare ricurva, seduta alla scrivania, non sono pochi e […]

Continua a leggere

Ciottoli

Mi lascio andare alla corrente di un fiumiciattolo, che placido scorre tra i vecchi ciottoli del piccolo centro. Una cittadella che s’innalza su diverse colline, impossibile passeggiare in bicicletta, a meno che non ci si alleni per il Tour de France. Ricordo un uomo correre tra le colline impreziosite da pietre levigate dal vento. Si […]

Continua a leggere

Carta straccia #1

Una fuga non è certamente sinonimo di pianificazione al dettaglio, ma la mia strategia di prendere letteralmente solo quello che stava di fronte a me in quel momento fu un tantino radicale e sciocco. Una borsa stracolma di carta straccia. Carta straccia. Non una lattina di fagioli precotti, non un pezzo di pane da addentare […]

Continua a leggere

Rinascita

“Dalla sanguinosa battaglia riposa stanco il corpo, sulle placide acque riemerge vittorioso, libero, dall’abbraccio della lenta morte che giace ormai sul fondo, sepolta e vinta. Si schiudono con fatica le ciglia, gocce ostili strisciano lente sullo zigomo, se le riprendono finalmente gli abissi. Trovano rifugio le braccia tra le pieghe che smuovono la superficie e […]

Continua a leggere

Morto ammazzato

Frequentavo l’ultimo anno di liceo, quando scrissi questo breve racconto. Non ricordo esattamente il giorno, ma so per certo che fosse notte. Ci sarebbero tanti dettagli da correggere, ne sono consapevole, ma in questa prima occasione vorrei proporvi il testo nella sua stesura originale, un flusso di coscienza frutto di cene cui ho assistito, che […]

Continua a leggere